28 Marzo 2021

Come scrivere un testamento olografo

Il testamento olografo costituisce la forma più semplice ed economica di testamento in quanto il testatore, senza la presenza di un notaio nè di testimoni, può redigere in qualsiasi momento e su un qualunque foglio le disposizioni di ultima volontà. Nell'articolo analizziamo i requisiti necessari per la stesura del testamento olografo.

Affinchè il testamento olografo sia valido e produca gli effetti desiderati dal testatore, è necessario che siano rispettati i seguenti requisiti:

Autografia

Il testamento deve essere interamente scritto di pugno dal testatore. Non deve contenere parti scritte a macchina o al computer, oppure scritte da altre persone. La scrittura autografa ha la finalità di assicurare che la volontà del testatore si sia compiuta liberamente, senza forzature o costrizioni. Il testamento è nullo se non è scritto a mano dal testatore, e pertanto non produrrà alcun effetto.

Data del testamento olografo

Il testamento olografo deve poi contenere la data e cioè il giorno, il mese e l’anno di redazione. Sono valide anche indicazioni diverse, purchè inequivocabili, come ad esempio “Natale 2016” oppure “Pasqua 2019”. La data può essere apposta in alto o alla fine del testamento o su ogni pagina, purchè sia autografa. Tale requisito ha una duplice finalità: da un alto consente, in presenza di più testamenti, di stabilire quale sia l’ultimo e quindi quale sia efficace, dall’altro lato fornisce  un riferimento preciso, utile nel caso in cui sia messa in dubbio la capacità di intendere e di volere del testatore. In assenza di data, il testamento potrà essere annullato su istanza di chiunque vi abbia interesse

Firma

Per la validità del testamento olografo è infine richiesta la sottoscrizione, e cioè è necessario che in calce al documento il testatore apponga la sua firma di proprio pugno. La firma apposta al termine dello scritto, oltre ad accertare la paternità del documento, serve anche a chiusura del testamento, per indicare che sono state espresse tutte le volontà del testatore in quel momento.
Nel caso in cui il testamento si componga di più fogli, è necessario firmare ogni singola pagina.

Cosa fare del testamento dopo averlo scritto?

Una volta redatto, il testatore potrà scegliere di conservare il testamento in un luogo sicuro della propria casa. Occorrerà quindi avvisare qualcuno di fiducia su dove il testamento è conservato, affinchè venga aperto al momento opportuno. Alla morte del testatore infatti, la persona avvisata lo consegnerà al notaio per la pubblicazione. Tuttavia, se si ha il timore che venga smarrito oppure distrutto, consigliamo di consegnare il testamento ad un avvocato o notaio.  

Quanto costa redigere un testamento olografo?

Il testamento olografo è completamente gratuito. L’unica eventuale spesa da sostenere, sarà quella relativa al deposito presso un avvocato o  notaio.

 

    CONTATTACI

    Compila il form sottostante descrivendo il tuo problema o quesito. Il nostro team ti risponderà entro 3 giorni lavorativi fornendoti la soluzione più opportuna. Il servizio è gratuito e senza impegno.







    ! La tua privacy è la nostra priorità. I tuoi dati verranno comunicati esclusivamente al legale che ti fornirà la consulenza richiesta.